Ultime notizie dal Gruppo FARCO

Notizia del 20/01/2022

Regione Lombardia: avviso di bando per la realizzazione di una infrastruttura per la ricarica elettrica

**Aggiornamento 18 febbraio 2022**

Regione Lombardia ha disposto la proroga fino alle ore 12 del 9 marzo 2022 del termine di chiusura per la presentazione delle domande.

**Aggiornamento gennaio 2022**

Regione Lombardia ha pubblicato l’aggiornamento sulle modalità di partecipazione al bando “Contributi alle Piccole e Medie Imprese per la realizzazione di un’infrastruttura per la ricarica elettrica di veicoli sul territorio lombardo”, il cui avviso era stato pubblicato a giugno.

La domanda va presentata esclusivamente online sulla piattaforma informativa Bandi online, a questo indirizzo, dalle ore 15:00 del 18/01/2022 ed entro le ore 12:00 del 17/02/2022.

>> Contatta un nostro consulente per approfondimenti sul contributo e le modalità di partecipazione

***

Il 17 giugno 2021, Regione Lombardia ha pubblicato un avviso di bando per il sostegno alla realizzazione di un’infrastruttura di ricarica per veicoli elettrici. Con una dotazione complessiva di € 3.750.000, il bando è dedicato alle piccole e medie imprese aventi sede operativa in Lombardia.

Dopo l’estate, è prevista la pubblicazione di un bando attuativo da parte di Regione Lombardia che specificherà le modalità per l’assegnazione delle risorse. È chiaro fin d’ora che le domande dovranno essere inviate tramite la piattaforma informatica regionale, corredate di documentazione idonea e completa e che non saranno ammesse altre modalità di invio. È chiaro, inoltre, che l’assegnazione del contributo avverrà con procedura valutativa “a sportello”, cioè secondo l’ordine cronologico di presentazione della domanda da parte del soggetto richiedente.

Per evitare intoppi e velocizzare il completamento della procedura quando saranno aperti i termini per la presentazione della domanda, è perciò fondamentale che le aziende e i soggetti interessati si attrezzino da subito alla preparazione della documentazione necessaria.

I dettagli dell’avviso di bando

Il contributo è a fondo perduto ed è pari al 50% delle spese ammissibili e non può superare in nessun caso i 150.000 euro. Non è inoltre prevista la cumulabilità con altri contributi per investimenti per le stesse opere, siano essi regionali, statali o europei.

L’avviso di bando specifica che saranno ritenuti ammissibili “tutti gli interventi di acquisto e installazione di nuovi dispositivi per la ricarica elettrica di veicoli di categoria M, N, L ai sensi dell’art. 47 del Codice della Strada, le relative attività di progettazione e le opere edili, infrastrutturali ed interventi di adeguamento del sistema elettrico connessi all’istallazione”.

L’entità dell’agevolazione varia in base al dispositivo ed è riassunta nella tabella di seguito:

Tipo di dispositivo

Totale finanziamento massimo
50% delle spese ammissibili – IVA esclusa)

Dispositivi fino a 7,4 kW in AC (ricarica lenta/slow, MONOFASE)

Fino a € 1500

Dispositivi >7,4 e fino a 22 kW in AC (per ricarica accelerata/quick, TRIFASE)

- Per un solo punto di ricarica: fino a € 2000
- Per più punti di ricarica: fino a € 4000

Dispositivi >22 e fino a 50 kW in DC (ricarica veloce/fast)

Fino a € 25.000

Dispositivi > 50 kW (ricarica ultraveloce/ultra-fast)

> di 50 kW e fino a 150 kW: fino a € 60.000
> di 150 kW e fino a 350 kW: fino a € 95.000

L’obiettivo della giunta regionale, spiega l’assessore Raffaele Cattaneo, “è aumentare la mobilità sostenibile e favorire l’utilizzo di veicoli a emissioni zero. L’intento è infatti quello di ridurre i gas climalteranti nonché gli inquinanti, quali Pm10 e NOx.”

“Questa, come le altre misure messe in campo, mira ad agevolare la diffusione delle infrastrutture di ricarica - prosegue l’assessore Claudia Maria Terzi. Tutto ciò per consentire ai cittadini di scegliere liberamente e consapevolmente il veicolo elettrico. Fondamentale infatti è garantire una progressiva capillarità nella copertura del territorio”.

 >> Leggi l’avviso sul sito di Regione Lombardia

>> Contatta uno dei nostri esperti per sapere come beneficiare del contributo


Notizia del 24/08/2017

Industria 4.0: cosa è e quali sono i vantaggi per le aziende?


Notizia del 09/08/2017

La squadra antincendio aziendale


Notizia del 03/08/2017

La figura del preposto


Notizia del 27/07/2017

Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS): figura, formazione e attribuzioni


Notizia del 25/07/2017

Ambienti confinati: quali sono, quando diventano pericolosi e che precauzioni devono essere adottate per i lavori


Notizia del 21/07/2017

"Il Welfare come strumento per fare crescere l'azienda" - Intervista a Roberto Zini


Notizia del 20/07/2017

Classificazione ATECO: cosa è e come funziona?


Notizia del 18/07/2017

RSPP: corso di formazione, aggiornamenti e validità


Notizia del 12/07/2017

Inquinamento INDOOR: analisi e possibili soluzioni


Notizia del 07/07/2017

Rischio sismico: come prevenire i possibili danni


Notizia del 04/07/2017

Campi Elettromagnetici (CEM): quali gli effetti su salute e sicurezza da prevenire e chi sono i soggetti particolarmente sensibili


Notizia del 28/06/2017

Defibrillatori in campo: scatta l'obbligo per tutti


Notizia del 26/06/2017

Legionella: cosa è, cosa può provocare, dove si può trovare e come si controlla il rischio


Notizia del 23/06/2017

Sisma e valutazione dei rischi


Notizia del 20/06/2017

Ambienti confinati: definizione, obblighi, formazione e precauzioni


Notizia del 16/06/2017

RSPP: scopriamo nel dettaglio questa figura


Notizia del 13/06/2017

Inquinamento INDOOR: quali sono gli inquinanti e che soluzioni si possono adottare


Notizia del 09/06/2017

Campi Elettromagnetici (CEM): le sorgenti, le principali novità del Decreto e la valutazione del rischio


Notizia del 09/05/2017

Roberto Zini è il nuovo Vicepresidente di AIB con delega al Lavoro, alle Relazioni Industriali e al Welfare


Notizia del 06/04/2017

"Filo di lana: storie di impresa, di lavoro, di vita" di Roberto Zini


1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11