Farco Group: Rassegna Stampa

Notizia del 11/10/2017

Dal 12 ottobre 2017 anche gli infortuni che hanno prognosi di un giorno, oltre quello dell’infortunio, devono essere comunicati all’Inail.

L’obbligo di comunicazione all’Inail degli infortuni sul lavoro anche se di un solo giorno (D. Lgs. 81/08 art. 18 comma 1 lett. r) è una novità che era stata introdotta con il decreto n. 183/2016 con il quale è stato istituito il SINP (Sistema Informativo Nazionale per la Prevenzione nei luoghi di lavoro)

L’avvio del SINP, previsto per il 12 aprile 2017, è stato prorogato con il DL Milleproroghe, il quale ha fissato al 12 ottobre 2017 l’avvio del nuovo servizio volto ad implementare le misure di sicurezza sul lavoro.

Tale obbligo consiste nel notificare entro 48 ore dalla ricezione del certificato medico gli infortuni che comportino una diagnosi della durata da 1 a 3 giorni, escluso quello in cui si verifica l’evento, per i quali non era previsto l’obbligo della denuncia di infortunio standard, prevista dall’articolo 53 del Dpr 1124/65.

Quindi mentre in precedenza l’obbligo della comunicazione per infortunio valeva solo per una prognosi superiore ai tre giorni, dal 12 ottobre invece i giorni sono stati anticipati ad uno più il giorno dell’infortunio.

La finalità dell’obbligo è solo statistica e informativa. A livello assicurativo non cambia nulla né tanto meno viene modificata la copertura dell’assicurazione Inail, la quale parte comunque dai tre giorni di prognosi.

Dal 12 ottobre 2017 i datori di lavoro dovranno adempiere a due distinti doveri:

  • trasmettere per via telematica all’Inail la comunicazione a fini statistici ed informativi di tutti gli infortuni sul lavoro che comportino un’assenza di almeno un giorno, escluso quello dell’evento, entro 48 ore a decorrere dalla ricezione del certificato medico;
  • trasmettere per via telematica all’Inail la denuncia a fini assicurativi degli infortuni, come già oggi avviene, che comportino un’assenza dal lavoro superiore a tre giorni, entro 48 ore a decorrere dalla ricezione del certificato medico.

In caso di mancata comunicazione anche se di solo un giorno al datore di lavoro potrà essere comminata una sanzione che va da 548 euro a 1.972,80 euro, importo che sale ad un minimo di 1.096 ad un massimo di 4.932 euro per le comunicazioni di infortuni con prognosi superiore ai tre giorni e quindi coperti da assicurazione Inail.Contestualmente all’entrata in vigore del decreto ministeriale di costituzione del SINP ricordiamo che è stata abrogata la tenuta obbligatoria del registro infortuni, in realtà ciò è già avvenuto, dal 23 dicembre 2015, ad opera dell’art. 23 D. Lgs. n. 151/2015.

Nel frattempo l'INAIL ha attivato un nuovo applicativo denominato "Cruscotto infortuni", mediante il quale è possibile, da parte degli Organi ispettivi dell'Inail, delle Aziende sanitarie locali e del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, consultare gli infortuni occorsi a partire dal 23 dicembre 2015. Questo applicativo è accessibile anche ai datori di lavori, agli eventuali soggetti delegati e agli intermediari del datore di lavoro, per la dovuta consultazione, ai fini, se non altro, del corretto adempimento dell'obbligo di valutazione degli infortuni aziendali da condurre in occasione della riunione annuale di cui all'art. 35 del D.Lgs. 81/08.


Notizia del 12/10/2017

Registro degli esposti: dal 12 ottobre si passa alla modalità telematica


Notizia del 11/10/2017

Dal 12 ottobre 2017 anche gli infortuni che hanno prognosi di un giorno, oltre quello dell’infortunio, devono essere comunicati all’Inail.


Notizia del 06/10/2017

Attrezzature di Lavoro: quali hanno bisogno di un corso specifico di formazione?


Notizia del 03/10/2017

Sistemi di videosorveglianza e geolocalizzazione


Notizia del 26/09/2017

Lo stress lavoro - correlato: cosa è e come valutarlo correttamente


Notizia del 18/09/2017

Estintori: sorveglianza, controllo periodico, revisione programmata e collaudo


Notizia del 15/09/2017

Piattaforme di Lavoro Elevabili (PLE) con o senza stabilizzatori


Notizia del 08/09/2017

Riepilogo della formazione per il Datore di Lavoro e il RSPP aziendale


Notizia del 04/09/2017

Servizi in materia di Privacy: Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati


Notizia del 31/08/2017

Le diverse tipologie dei Corsi Antincendio


Notizia del 24/08/2017

Industria 4.0: cosa è e quali sono i vantaggi per le aziende?


Notizia del 09/08/2017

La squadra antincendio aziendale


Notizia del 03/08/2017

La figura del preposto


Notizia del 27/07/2017

Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS): figura, formazione e attribuzioni


Notizia del 25/07/2017

Ambienti confinati: quali sono, quando diventano pericolosi e che precauzioni devono essere adottate per i lavori


Notizia del 21/07/2017

"Il Welfare come strumento per fare crescere l'azienda" - Intervista a Roberto Zini


Notizia del 20/07/2017

Classificazione ATECO: cosa è e come funziona?


Notizia del 18/07/2017

RSPP: corso di formazione, aggiornamenti e validità


Notizia del 12/07/2017

Inquinamento INDOOR: analisi e possibili soluzioni


Notizia del 07/07/2017

Rischio sismico: come prevenire i possibili danni


[|«] [«] 1 2 3 4 5 [»] [»|]